Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Gennaio - settembre 2016: crescita del commercio bilaterale del 13,4%

Data:

22/11/2016


Gennaio - settembre 2016: crescita del commercio bilaterale del 13,4%

Secondo i dati dell’Ufficio Statistiche lituano, le esportazioni della Lituania verso il resto del mondo nel periodo gennaio-settembre del 2016 sono diminuite del 2,3% rispetto allo stesso periododel 2015, mentre le importazioni hanno mostrato una flessione del -4,8%.

I principali paesi fornitori della Lituania sono nell’ordine: la Russia (13,8% del mercato), Germania(12,5%), Polonia (11%), Lettonia (7,3%)e l’Italia con una quota di mercato pari al 5,5%. I principali mercati di sbocco dell’export lituano sono nell’ordine: laRussia (13,2% del mercato), Lettonia (9,9%), Polonia (9,2%), Germania (7,8%). L’Italia, con una quota pari al 2,2%, si colloca al 15mo posto.

L’export italiano è cresciuto da 848,9 mlnnei primi 9 mesi del 2015 a 992,4 mln nei primi 9 mesi del2016, con un aumento pari al 16,9%. Le esportazioni lituane verso l’Italia sono passate da 347,3 Mln nel periodo gennaio-settembre del 2015 a 363,9 Mln nel periodo gennaio-settembre del 2016, con una crescita del 4,8%. L’interscambio Italia-Lituania è cresciuto da 1,19 Mld nei primi tre trimestri del 2015 a 1,36 mld nei tre trimestri del 2016(+13,4%),con un surplus a noi favorevole per 501,5 mln.

Le principali voci dell’export italiano sono:macchinari (per 243 Mln di Euro, in crescita del 7,9% nel periodo gennaio-settembre 2016 rispetto allo stesso periodo del 2015), veicoli (165,6 Mln di Euro, +89,9%), tessile (105,4 Mln di Euro, +14,1%).Dal lato delle esportazioni lituane verso l’Italia, le principali voci merceologiche risultano nell’ordine: tessile (38,8 Mln di Euro, in calo dello 0,7% nel periodo gennaio-settembre 2016 rispetto allo stesso periodo del 2015), manufatti vari (37,7 Mln di Euro, +8,4%), macchinari (35,6 Mln di Euro, +10,3%).


264